Siete già un nostro utente?
Login registrazione
Ordinazione telefonica
04 8198 00 25
Carrello
Il carrello è vuoto.

Alfa Romeo Giulia: tutto pronto per la rinascita del Biscione

20.08.2015

Era da tempo che un nuovo modello pronto ad essere commercializzato dall’Alfa Romeo non destava tanto scalpore, tanto in Italia, quanto all’estero; e d’altra parte, a ben guardare le sole linee della nuova Giulia, tutto sembra confermare quanto questo grande interesse e l’estrema sensazione di suspance legata alla presentazione del modello, avvenuta il 24 Giugno scorso, siano stati giustificati.

Alfa Romeo Giulia: tutto pronto per la rinascita del Biscione
Felina, aggressiva e slanciata, la nuova Alfa Romeo Giulia è, di fatto, la pietra miliare della rinascita della storica casa del Portello, da sempre amata in tutto il mondo per i contenuti sportivi ed estetici che hanno caratterizzato la sua storia, costellata di successi sportivi e commerciali ottenuti con una tecnica all’avanguardia e con uno stile che ha fatto di alcuni dei modelli dell’azienda di Arese un’icona capace di scaldare gli automobilisti di tutto il mondo.
 
Ed sono proprio la passione, il cuore e l’emozione che hanno giocato un ruolo fondamentale nella realizzazione di questo ultimo capolavoro di Alfa Romeo: dietro al concepimento della Giulia, infatti, si cela tutto il desiderio della casa italiana di tornare ad attingere alla tradizione che ha fatto grande il marchio, riconquistando così anche gli alfisti più puri che nel corso degli ultimi anni avevano storto il naso di fronte alle scelte tecniche adottate sui più recenti modelli della  casa del Biscione.
 

Trazione posteriore e tanta potenza

Per addivenire a questo risultato, i tecnici Alfa Romeo hanno dotato la nuova Giulia di trazione sulle ruote posteriori, un tratto distintivo della produzione della casa milanese che, se esclusa la breve parentesi rappresentata dalla supercar 8C e dalla piccola sportiva 4C, mancava da un’Alfa Romeo di grande produzione dall’inizio degli anni ’90, quando uscì di scena la mitica 75.
 
Ma a fare della Giulia una vera Alfa Romeo non sarà solo il posizionamento dell’asse motore ma, in generale, tutta l’architettura meccanica che la contraddistingue: tutte le unità propulsive della nuova berlina media della casa del Portello, infatti, saranno contraddistinte da elevati livelli di potenza e da un notevole indice di rendimento prestazionale. Punta di diamante dell’intera gamma, infatti, sarà la spettacolare Giulia Quadrifoglio Verde, spinta da un propulsore 2.9 V6 Biturbo in grado di erogare la bellezza di 510 cv e di proiettare la fulminea berlina milanese in appena 3.9 secondi da 0 a 100 km orari.
 
A completare la gamma di propulsori, ovviamente, non mancheranno soluzioni più alla portata di una clientela meno facoltosa ma comunque sportiva: sulla nuova Giulia, infatti, debutteranno nuove unità a gasolio 2.2 con potenze variabili dai 135 ai 210 cv. A proposito di motori a gasolio, la nuova Giulia potrebbe disporre anche di un nuovo propulsore da 3 litri, dotato di KERS e capace di erogare una potenza di circa 270 cv.
 
Sul fronte relativo ai motori a benzina, invece, dovrebbero essere disponibili delle unità da due litri sovralimentate proposte in vari step di potenza compresi tra i 180 ed i 330 cv. Non mancherà naturalmente la possibilità di scegliere il cambio automatico sequenziale con le classiche ed evocative palette collocate alle spalle della corona del volante.