Siete già un nostro utente?
Login registrazione
Ordinazione telefonica
04 8198 00 25
Carrello
Il carrello è vuoto.

Come garantire il corretto funzionamento del sistema di raffreddamento nelle calde giornate estive

23.07.2015

L'estate 2015 è la tra le più calde che si sono succedute negli ultimi anni: a rimetterci potrebbe essere proprio la vostra auto. Volete scongiurare ogni possibile rischio? Nel caso, leggete quanto segue.

Come garantire il corretto funzionamento del sistema di raffreddamento nelle calde giornate estive
Partiamo dal darvi qualche indicazione sul sistema di raffreddamento, un elemento di assoluta importanza per il corretto funzionamento del veicolo. Al giorno d'oggi la tecnologia mette a disposizione impianti che difficilmente soffrono le alte temperature, sempre che voi prestiate la dovuta attenzione a poche e semplici regole. 
 
Innanzitutto, tenete bene a mente che il surriscaldamento è da collegarsi a tre cause potenziali: 
 
1. Guasto per perdita anomala al circuito refrigerante
2. Scarsa circolazione del liquido di raffreddamento
3. Difetti alle ventole adibite alla dissipazione del calore in eccesso
 

Come evitare di incappare in una di queste tre situazioni? 

- AC: nell'attimo in cui doveste accorgervi che l'indicatore della temperatura inizia a salire, vi consigliamo di spegnere il condizionatore e di azionare, per un po', l'aria calda (aprite contemporaneamente i finestrini rivolgendo verso l'esterno i bocchettoni, in modo da permettere la fuoriuscita del calore). Così facendo, l'aria calda emanata dal motore verrà incamerata nell'impianto di riscaldamento, allontanando ogni pericolo.
 
- DISTANZA: è buona norma tenersi sufficientemente distanti dalle vetture che ci precedono, stando alla larga dal calore del loro tubo di scappamento, che in caso contrario finirebbe nel vostro radiatore.
 
- TRAFFICO: se bloccati in coda, vi converrà spegnere l'auto, mantenere una velocità più o meno costante e non accelerare a fondo.
 
- MANUTENZIONE: verificate con cadenza periodica le condizioni dei tappi del radiatore, sostituendoli quando ormai logori. In egual misura, controllate lo stato del sistema di raffreddamento, assicurandovi che il livello di acqua distillata e liquido refrigerante all'interno della vaschetta del radiatore raggiunga il minimo stabilito.
 
- OFFICINA: non siete particolarmente esperti? Affidatevi ad un bravo meccanico, sottoponendo il veicolo a controlli periodici e non dimenticando di effettuare i relativi tagliandi.
Dopo avervi elencato qualche consiglio utile per il corretto funzionamento del sistema di raffreddamento, ecco alcuni suggerimenti da seguire in caso di avvenuto surriscaldamento:
 
- FERMARSI IMMEDIATAMENTE: se possibile, bisogna accostare subito, spegnere l'auto ed attendere si raffreddi quanto più possibile. Dopo di che, aprire il cofano e raggiungere con lo sguardo la vaschetta del radiatore. Prima di svitare il tappo, assicuratevi che il calore si sia ormai dissipato (in caso contrario potreste ustionarvi anche gravemente per via della pressione incamerata). Verificate il livello del liquido presente (degli indicatori appositi vi chiariranno la quantità necessaria), aggiungendo all'interno una miscela di acqua distillata (non fredda) e refrigerante (meglio con antigelo) se il livello si attesta insufficiente.
 
- CHIAMARE I SOCCORSI: la situazione non migliora? Non vi resta che chiamare il soccorso stradale, specie se la temperatura della vostra auto raggiunge una gradazione considerevolmente elevata (potrebbero diagnosticarvi un guasto più o meno importante che non sareste stati in grado di tamponare da soli, senza l'intervento di tecnici specializzati). Inutile incaponirsi ed ignorare i campanellini d'allarme: potreste finire in guai piuttosto seri, e vedere compromesso definitivamente il motore della vostra vettura.