Siete già un nostro utente?
Login registrazione
Ordinazione telefonica
04 8198 00 25
Carrello
Il carrello è vuoto.

Pompa dell’acqua: struttura, funzione e possibili effetti di un eventuale malfunzionamento

01.04.2015

La pompa dell’acqua è uno degli organi principali tra tutti quelli che compongono l’impianto di raffreddamento del quale sono provviste tutte le vetture oggi in circolazione.

Pompa dell’acqua: struttura, funzione e possibili effetti di un eventuale malfunzionamento
La pompa dell’acqua svolge un ruolo fondamentale all’interno di un impianto propulsivo endotermico in quanto permette, in simbiosi con le altre componenti del sistema di raffreddamento, di mantenere il motore entro un regime di temperatura non lesivo per il corretto funzionamento di tutti gli organi meccanici che lo compongono. La necessità di mantenere entro un predeterminato range di temperatura il vano motore nasce dall’esigenza di impedire che le elevate temperature possano arrecare seri danneggiamenti in particolare alla testata, ai pistoni o ai cilindri.
 
La pompa dell’acqua, ha dunque lo scopo di trasmettere la potenza generata dall’albero meccanico (a sua volta azionato dal motore) direttamente al fluido usato per il raffreddamento della vettura.
 

Pompa dell’acqua: com’è fatta?

Tutte le pompe dell’acqua sono accomunate dalla presenza di almeno cinque elementi: in primis, una flangia funge da collegamento con il gruppo cinghia-puleggia, mentre un piccolo albero che poggia su una serie di cuscinetti è deputato a trasmettere la potenza generata dalla flangia alla girante. Quest’ultima, mediante le sue pale, convoglia il liquido refrigerante nella giusta direzione, mentre la tenuta impedisce al fluido di uscire al di fuori del circuito di raffreddamento. La tenuta, inoltre ha un ruolo particolarmente importante in quanto impedisce allo sporco proveniente dall’esterno di intasare i condotti interni del circuito. Quinto elemento di questo semplice quanto importante organo meccanico è la scocca, la cui funzione è quella di permettere il fissaggio della pompa al blocco motore.
 

Quali sono i possibili malfunzionamenti che possono affliggere la pompa dell’acqua?

I malfunzionamenti che tendono ad affliggere la pompa dell’acqua sono, nella maggior parte dei casi, correlati alla rottura della guarnizione frapposta tra l’albero e la girante. La guarnizione infatti, complice la sua struttura elastica, rappresenta il punto nevralgico dal quale possono scaturire i più gravi problemi che interessano la pompa dell’acqua: infatti, se la tenuta perdesse anche solo parzialmente le sue doti di impermeabilità, non solo lo sporco proveniente dall’esterno potrebbe con più facilità depositarsi all’interno del circuito di raffreddamento e raggiungere così gli organi meccanici ad esso connesso ma, soprattutto, ma si verificherebbe inoltre la perdita del liquido di raffreddamento. Questa malaugurata evenienza, qualora il conducente del veicolo non prestasse attenzione alla strumentazione di bordo, potrebbe nei casi peggiori portare il motore allo stato di ebollizione. Il primo segno che denoterebbe la perdita di tenuta delle guarnizioni della pompa sarebbe naturalmente la comparsa di una pozza di liquido sotto all’autovettura, con l’immediata ovvia conseguenza dell’aumento rapido ed esponenziale della temperatura del motore e dello svuotamento della vaschetta che contiene il refrigerante.
 
Tra gli organi della pompa più soggetti a causare malfunzionamenti, figurano anche i cuscinetti che, sollecitati non solo dall’azione della pompa ma, in maniera ancor più diffusa, dal calore e dal funzionamento del motore stesso, tendono pian piano a perdere la loro capacità di attutire le differenze di carico (assiale e radiale) alle quali tutte le pompe sono sottoposte.
 
Più rari ma non impossibili da verificarsi, sono anche i malfunzionamenti che coinvolgono la girante, vero cuore pulsante della pompa dell’acqua. Il corretto funzionamento della girante, infatti, può essere compromesso non solo da un elevato livello di usura ma anche da un nemico comune a tutta la meccanica dell’auto: il calore. Le roventi bolle di vapore che possono formarsi all’interno del circuito di raffreddamento, infatti, possono alla lunga danneggiare in maniera spesso irreparabile la girante della pompa dell’acqua.
 
Periodici controlli dell’impianto di raffreddamento, come sempre, possono dunque essere determinanti a prevedere con lauto anticipo queste situazioni impedendo il verificarsi di guai piuttosto seri.