Siete già un nostro utente?
Login registrazione
Ordinazione telefonica
04 8198 00 25
Carrello
Il carrello è vuoto.

Scopo, funzionamento e manutenzione delle molle di un’automobile

20.01.2015

L’efficienza di un autoveicolo non dipende dalla sola robustezza di base dello stesso, ma passa anche attraverso la buona conoscenza, da parte di chi lo guida di solito, del funzionamento di tutte le parti meccaniche che lo compongono; solo mediante questo accorgimento, infatti, è possibile adeguarsi a guidare in maniera tale da non sforzare in maniera eccessiva la meccanica del veicolo, evitando a quest’ultimo sollecitazioni e sforzi che potrebbero alterarne l’affidabilità.

Scopo, funzionamento e manutenzione delle molle di un’automobile

Altra chiave di volta fondamentale per assicurarsi lunghi e sereni anni di convivenza con la propria automobile è, come sempre, la manutenzione del veicolo.

Cosa sono le molle e che ruolo hanno nel sistema di sospensione di un’automobile?

Le molle rappresentano uno degli organi più importanti tra tutti quelli che compongono l’impianto di sospensione del quale ogni automezzo è dotato; prima di spiegare in maniera dettagliata e precisa cosa sono le molle e quale sia il loro funzionamento, occorre fare qualche cenno relativo alle sospensioni. La sospensione di un veicolo, infatti è un apparato piuttosto articolato e complesso al quale è demandato il compito di collegare le ruote dell’automobile (oltre che tutte le componenti che ad esse sono connesse, come dischi, mozzi e pinze dei freni) al telaio del mezzo, ossia alla carrozzeria e alle restanti parti meccaniche della vettura. Tutte le parti che compongono il sistema di sospensione di un’automobile gestiscono i movimenti del telaio rispetto alle ruote, grazie all’azione specifica di molle e braccetti, limitando al massimo la comprensione o estendendosi al contrario il più possibile ogni qual volta si renda necessario adeguare l’assetto della vettura alle caratteristiche della strada. Per il raggiungimento di questo scopo risulta fondamentale anche l’apporto dell’ammortizzatore, che, grazie alla sia particolare costruzione smorza e rallenta le oscillazioni dell’automobile. Di solito, la taratura di tutti gli organi che fanno parte del sistema di sospensione di un autoveicolo è volta ad assicurare un giusto compromesso tra doti dinamiche e confort: scopo di questo compromesso è quello di garantire ad ogni vettura un assetto adatto ad affrontare una gamma il più possibile ampia di percorsi senza togliere nulla al confort di marcia di tutti i passeggeri.
 

I vari tipi di molle

In ambito automobilistico esistono in sostanza due generi diversi di molle, ossia quelle lineari e quelle a flessibilità progressiva. Le prime tra quelle appena citate sono caratterizzate dalla loro flessibilità quasi costante e da caratteristiche fisiche che rendono la contrazione di questi organi direttamente proporzionale all’energia che scaturisce dalla compressione esercitata sulle molle stesse.
Le molle a flessibilità progressiva, invece, non disponendo di un livello di flessibilità costante, offrono una resistenza decisamente più ridotta nei confronti delle compressioni più piccole. La resistenza, però, aumenta in maniera esponenziale quando aumenta anche la compressione della molla. In particolare, le molle di questo tipo possono essere divise in due ulteriori sottocategorie:
 
  • Molle a passo differenziato
  • Elica a diametro differenziato
Le molle a passo differenziato sono rese peculiari dall’alternanza di spire disposte in maniera parecchio ravvicinata da altre decisamente più distanziate tra loro.
 
Nelle molle con elica a diametro differenziato, invece, può riscontrarsi la presenza di spire dalle dimensioni particolarmente ridotte che danno forma ad un’alternanza di eliche con raggio ridotto e di altre con un diametro decisamente più ampio.
In entrambi i casi, la presenza di spire e di eliche dal diametro o dal passo differenziato consente alle molle di disporre sia di zone a bassa resistenza che di aree ad alta resistenza e di garantire così al guidatore del veicolo di poter beneficiare sempre di un assetto adeguato ad ogni condizione di traffico e ad ogni tipo di strada.