Siete già un nostro utente?
Login registrazione
Ordinazione telefonica
04 8198 00 25
Carrello
Il carrello è vuoto.

Consigli utili per ridurre il consumo di carburante

15.07.2014

Al giorno d'oggi soffriamo un periodo di crisi profonda, di bassi stipendi, dove purtroppo il prezzo dei carburanti (benzina, diesel o gas) ha ormai raggiunto le stelle. Pertanto, risulta di estrema importanza poter contare su alcuni consigli utili per ridurre il consumo di carburante quando si utilizza il proprio veicolo.

Consigli utili per ridurre il consumo di carburante

Per prima cosa, per far fronte agli alti consumi bisogna prima conoscere le cause all'origine del problema. Ecco a seguire alcuni suggerimenti di cui tenere conto:

  • Uso intelligente del climatizzatore;
  • I consumi aumentano anche d’inverno;
  • Sfruttare l’inerzia dell’auto;
  • Massimizzare il risparmio mettendo a folle;
  • Sfruttare l’efficienza del motore;
  • Appena possibile passare al rapporto superiore di marcia;
  • Accelerare gradualmente e con dolcezza;
  • Fare un corretto uso del freno motore;
  • Spegnere il motore in caso di code;
  • Evitare di tirare le marce e di far riscaldare il motore da fermi;
  • Evitare (ove possibile) l’uso dell’auto per brevi tragitti
 
Con il caldo dell’estate sicuramente molti guidatori utilizzeranno il climatizzatore, mentre altri viaggeranno con i finestrini abbassati. Molti si chiederanno: ma l’uso del climatizzatore non comporta un consumo maggiore rispetto ai finestrini aperti? 
 
La risposta è falsa: viaggiando ad velocità, l’aria che filtra all’interno dell'abitacolo con i finestrini abbassati fa aumentare la resistenza aerodinamica, diminuendo l’efficienza della vettura, che, per potersi spostare, ha bisogno di più potenza, e dunque di un quantitativo maggiore di carburante. 
 
 
Ti spieghiamo a seguire come utilizzare in modo corretto il climatizzatore. Solitamente, quando la vettura è in sosta per molto tempo al sole succede che l’abitacolo raggiunge temperature elevate, richiedendo un intervento particolare per ripristinare una condizione accettabile. Prima di mettersi in marcia, sarà necessario aprire completamente le porte ed il portellone bagagliaio per qualche minuto, in modo tale che il caldo (intrappolato all’interno) fuoriesca gradualmente.  Una volta ripresa la circolazione, occorre abbassare i finestrini perché il calore residuo evapori ulteriormente. Nel frattempo, servirà accendere il climatizzatore in modalità “ricircolo attiva”.
Così facendo, il compressore del clima raffredderà meno aria (quella presente nell'abitacolo), impiegando molto meno tempo per l'operazione, e quindi ottimizzando i consumi di carburante. Una volta ottenuta la temperatura dell’aria desiderata, è consigliabile spegnere la modalità ricircolo dell’aria e diminuire la potenza del clima, od anche spegnerlo se il caso lo richiede. In questo modo, risparmierai circa 2 litri di carburate ogni 100 chilometri percorsi.
 
Un altro aspetto importante per far fronte al consumo riguarda la scarsa efficienza del motore, che si raccomanda di tenere sotto costante manutenzione. Si pensi che in media un’auto utilizza al massimo ¼ dell’energia contenuta nel carburante, coi rimanenti ¾ (circa il 75%) dispersi nell’ambiente sotto forma di calore. In altre parole: di 100 euro spesi in benzina solo 25 serviranno a dar potenza all’auto, i restanti 75 andranno persi.
 
È altrettanto fondamentale sottoporre a controlli periodici le pompe idrauliche di servofreno e servosterzo, che consumano molta energia. In alcuni casi, è persino consigliato sostituirle con sistemi elettromagnetici, proprio come per i fari alimentati dalle classiche lampadine a incandescenza, che richiedono maggiore risorse rispetto alle luci a LED e, nel caso delle vetture più moderne, alle luci a fosfori attivati dal laser. 
 
Infine, ti segnaliamo un'ultima causa alla base del consumo energetico: l’attrito delle ruote e dell’aria frontale. Molto spesso il problema deriva dal tipo di ruote utilizzate e dalla pressione di gonfiaggio. Il nostro consiglio a riguardo è quello di scegliere ruote a basso attrito di rotolamento e controllare la pressione dei pneumatici ad intervalli regolari.