Siete già un nostro utente?
Login registrazione
Ordinazione telefonica
04 8198 00 25
Carrello
Il carrello è vuoto.

Quando è necessario sostituire la pompa idroguida? I segni di cedimento

27.07.2017

Spesso sottovalutata perché poco conosciuta, la pompa idroguida risparmia agli automobilisti tanta fatica, svolgendo un lavoro silente ed al tempo stesso prezioso. Come funziona esattamente? Il meccanismo è molto semplice, in quanto basato su una delle leggi fisiche più basilari: congiunta all'albero motore, la pompa idroguida innesta una pressione di tipo idraulico sullo sterzo, accrescendo la forza esercitata dal guidatore durante la sterzata.

Quando è necessario sostituire la pompa idroguida? I segni di cedimento
Per quanto spesso passata in sordina, la pompa idroguida inizia a dare piena evidenza di sé non appena sopraggiungono i primi problemi. Come riconoscere il momento esatto in cui si rende necessaria la sua sostituzione? In realtà, esistono diversi segni di cedimento, per così dire.
 
In primo luogo, dovreste avvertire uno strano rumore, in genere metallico, provenire dall'avantreno, durante la sterzata. Di solito, quando il conducente od un eventuale passeggero percepiscono un leggero frastuono in fase di svolta (in gergo si dice a caldo, cioè a motore acceso), è il caso di recarsi con urgenza da un buon meccanico per provvedere alla sostituzione della pompa idroguida, che potrebbe essersi danneggiata, anche solo per normale usura, proprio come avviene per qualsiasi altra parte del veicolo (così non fosse, non sarebbe da escludere che il liquido utile al funzionamento della pompa idroguida abbia raggiunto un livello inferiore rispetto al minimo consentito, in quel caso bisognerebbe semplicemente rabboccarlo).
 
Un altro esempio classico di malfunzionamento della pompa idroguida si realizza quando l'automobilista ravvisa, improvvisamente, una certa durezza dello sterzo, che di punto in bianco tende a perdere di maneggevolezza in prossimità di qualsivoglia curva, diventando ruvido in modo alquanto insolito. Se ci si accorge che lo sforzo profuso dalle proprie braccia è superiore rispetto a quanto accade in via abituale, qualcosa nell'impianto meccanico potrebbe essersi danneggiato: questo è il segno più evidente che culmina poi nella necessità di sostituire la pompa idroguida, almeno nella maggior parte dei casi.
 
Per rendersi conto dello stato della propria pompa idroguida bisognerà anche verificare se il veicolo sospetto perda o meno liquido di colore rosa, rosso od ambra (per riuscire a distinguere meglio il colore, avvaletevi di un telo bianco da posizionare sotto l'auto), specie se tenuto a parcheggio per un intervallo di tempo relativamente lungo. In caso affermativo, molto probabilmente la perdita di liquido è da imputare alla pompa idroguida, usuratasi col tempo o guastatasi in seguito ad un qualche urto più o meno importante (prendere un dosso ad alta velocità, oltre al rischio di sinistro in cui potreste incappare dovuto alla perdita di controllo del veicolo, costituisce una delle possibili cause scatenanti dell'episodio).

Rottura della pompa idroguida: più che evidenti i segni che palesano l'obbligo di una pronta sostituzione

In altre parole, non è poi così difficile rendersi conto di quando è arrivato il momento di sostituire la pompa idroguida: rumori strani provenienti dall'avantreno in fase di sterzata a destra o a sinistra, improvviso indurimento del volante e perdita di liquido dal sistema di servosterzo, non ci si può proprio sbagliare. Se avete dei dubbi, recatevi dal vostro meccanico di fiducia, che, in modo molto onesto, saprà darvi tutte le spiegazioni del caso e consigliarvi sul da farsi.